Risarcimento Danni da Incidente Stradale

Perché rivolgersi a Risarcimento Facile per ottenere il risarcimento dei danni da sinistro stradale

Sei stato coinvolto in un incidente stradale? Vuoi essere risarcito?

Richiedi una consulenza legale totalmente gratuita!

Il nostro team ti sarà vicino e ti guiderà fino al giusto risarcimento danni da incidente stradale che hai subito, senza anticipare e sostenere alcuna spesa.

Una squadra di avvocati, periti e medici legali altamente qualificati e specializzati, saprà ascoltarti e in breve tempo, esaminerà il tuo caso valutando l’opportunità e la convenienza di intraprendere l’iter per ottenere il risarcimento delle lesioni personali o dei danni causati dal sinistro stradale.

Non dovrai corrispondere alcun compenso, la nostra parcella, infatti, sarà interamente addebitata alla compagnia assicurativa del responsabile del sinistro. Anche nel caso in cui la richiesta di risarcimento avesse un esito negativo, sarà Risarcimento Facile a farsi carico di tutti i costi sostenuti.

Non perdere tempo con avvocati incompetenti, lasciati guidare da Risarcimento Facile, siamo l’azienda leader in Italia specializzata in risarcimento danni da sinistro stradale.

Compila il modulo sottostante e raccontaci il tuo caso oppure chiamaci al Servizio Consulenze Gratuito
+39 345 44 90 723.

    Guida al risarcimento danni da incidente stradale

    Di seguito troverai una sintetica guida che descrive le fasi per orientarti nel complesso ambito del risarcimento danni da sinistro stradale:

    Cos’è il risarcimento danni da incidente stradale e quali sono i danni risarcibili

    Il risarcimento è la liquidazione in termini economici che la Compagnia Assicurativa è tenuta a corrispondere in favore di chi ha subito dei danni a seguito di un incidente stradale tra due o più veicoli coperti da polizza assicurativa RCA.
    I danni possono essere di due tipologie differenti:

    • danni materiali;
    • lesioni personali;

    I primi sono principalmente i danni subiti dal veicolo coinvolto nel sinistro stradale e che corrispondono al costo della riparazione dello stesso, oltre al fermo tecnico, cioè al danno provocato dall’impossibilità di utilizzare il veicolo per il tempo necessario per la riparazione, oltre ad eventuali ulteriori spese per soccorso traino e custodia del mezzo.
    Le lesioni personali, invece, sono i danni fisici e psichici subiti dalla vittima di un incidente stradale.

    Come si calcola la liquidazione del danno causato da un sinistro stradale

    La quantificazione dei danni materiali viene effettuata mediante la redazione di una perizia da parte di un fiduciario tecnico incaricato dalla compagnia assicurativa, denominato perito.
    Nei sinistri stradali con feriti, viene anche redatta una perizia medico legale, al fine di quantificare le lesioni personali subite dai danneggiati.

    Le lesioni vengono classificate nel modo seguente:

    • micro permanenti (indice di invalidità permanente da 0 a 9 %)
    • macro permanenti ( indice di invalidità permanente da 10 a 100 %)

    Entrambe fanno riferimento a delle tabelle 2021 del danno non patrimoniale redatte dall’Osservatorio della Giustizia del Tribunale di Milano.

    Indennizzo diretto o RCA: due procedimenti differenti per la liquidazione del danno.

    Nella liquidazione del danno causato da sinistro stradale è possibile ricorrere essenzialmente a due procedimenti:

    • Indennizzo diretto:

    È il procedimento più veloce, si applica quando la responsabilità è imputabile al conducente dell’altro veicolo e il danneggiato può chiedere la liquidazione del risarcimento direttamente alla propria compagnia assicurativa.

    • Procedimento ordinario R.C.A.:

    Si applica nei casi residuali in cui non si applica l’indennizzo diretto.
    • Quando i mezzi coinvolti nell’incidente sono superiori a “due”;
    • Quando l’incidente si è verificato fuori dal territorio italiano;
    • Quando uno dei veicoli non risulta assicurato;
    • Quando uno dei mezzi coinvolti non è immatricolato in Italia;
    • Quando uno di due mezzi non è un veicolo a motore;
    • Quando il danno non deriva dalla circolazione di veicoli;
    • Quando le lesioni subite siano superiori a 9% di invalidità permanente o in caso di incidente stradale mortale;
    • Quando non c’è contatto tra i due mezzi.

    In questi casi il danneggiato dovrà presentare la richiesta di risarcimento danni direttamente alla compagnia assicurativa del responsabile dell’incidente.

    Come effettuare la richiesta di risarcimento danni all’assicurazione.

    Subito dopo l’incidente stradale bisogna compilare e trasmettere alla propria Compagnia assicurativa la “denuncia di sinistro” (allorquando il modulo contenente tutti i dati dell’incidente viene sottoscritto soltanto da uno dei conducenti) o il “CAI”(allorquando il modulo contenente tutti i dati dell’incidente viene sottoscritto da entrambi i conducenti).

    Dopo la compilazione e trasmissione del modulo “DENUNCIA” o “CAI” va effettuata la richiesta di risarcimento danni, sia presso la sede della propria compagnia assicurativa, sia presso la sede della compagnia assicurativa del responsabile del danno, avendo cura di specificare le seguenti voci:

    • Nome e Cognome
    • Residenza e codice fiscale dei soggetti aventi diritto al risarcimento;
    • Età, attività e reddito;
    • Dinamica e circostanze nella quali è avvenuto l’incidente (luogo, data, ora, descrizione dei mezzi coinvolti, targhe, compagnie assicurative ecc.);
    • Data e ora di disponibilità ad eventuali verifiche atte ad accertare l’entità dei danni;
    • Valutazione complessiva dei danni subiti (spese meccaniche, di carrozzeria, di trasporto ecc.);
    • Certificati medici, eventuale perizia medico-legale di parte, spese mediche documentate;
    • Dichiarazione ai sensi dell’articolo 142, comma 2, o, in caso di decesso, lo stato di famiglia della vittima.

    Nel caso in cui abbia subito lesioni personali un passeggero terzo trasportato – indipendente dalle responsabilità dei conducenti dei veicoli – il trasportato dovrà presentare la domanda di risarcimento direttamente alla Compagnia che assicura il veicolo sul quale era a bordo.

    Tempi e modalità di risarcimento danni del sinistro stradale

    La tempistica del risarcimento danni da Incidente Stradale varia a seconda dei casi. In caso di sottoscrizione CAI da parte di entrambi i conducenti, i tempi si riducono, la Compagnia assicurativa avrà solo 30 giorni (60 giorni con mono firma) per nominare un proprio perito tecnico per la quantificazione del danno ed effettuare l’offerta risarcitoria. Nel caso in cui vi siano anche lesioni personali la compagnia avrà, invece, 60 (o 90 giorni con monofirma). Se il risarcimento offerto dalla compagnia non si ritenga soddisfacente, lo stesso potrà essere trattenuto dal danneggiato a titolo di acconto sulla maggiore somma pretesa e rivolgersi all’Autorità Giudiziaria per ottenere giustizia previo espletamento del “tentativo obbligatorio di conciliazione”.
    Nel caso in cui ci sia l’intervento delle Forze dell’Ordine bisognerà anche aspettare i tempi necessari alla redazione e consegna del “verbale di sopralluogo” (90 giorni)

    Compila il modulo sottostante e raccontaci il tuo caso oppure chiamaci al Servizio Consulenze Gratuito
    +39 345 44 90 723.