Risarcimento Danni
Chiama Risarcimento Danni
Risarcimento Facile
Call To Action Risarcimento Danni
Messaggio inviato!
Ti risponderemo presto.
Attenzione, errore in invio informazioni

Risarcimento danni pedone investito da auto (Parte Prima)


Risarcimento facile


Sei stato investito da un'auto? In questa prima parte spieghiamo come ottenere il giusto risarcimento danni.

Uno dei casi più frequenti che interessano i risarcimenti vedono il coinvolgimento dei pedoni negli incidenti stradali, perché urtati o addirittura travolti da un automezzo.

Ovviamente, quando accade ciò, risulta per il conducente dell\'automezzo  molto complicato provare che la responsabilità non è solo la sua, bensì che anche il pedone ne risulta responsabile e così, il danneggiato potrà  valutare l’opportunità per un giusto  risarcimento del danno, sia al conducente, che alla Compagnia assicuratrice del mezzo.


In un processo relativo all\'investimento di un  pedone da parte  di un veicolo, per accertare la responsabilità del soggetto a piedi, implicato  nell’incidente, non  costituisce  principio  di colpa a  carico  del pedone  il fatto  che  questi  stesse attraversando la  strada soltanto nelle vicinanze  delle apposite strisce pedonali.
Tra l’altro, è doveroso sapere che  il diritto di precedenza, rispetto ai veicoli  spetta ai pedoni  che  attraversano  la  carreggiata  nella  zona  delle strisce   zebrate,   genericamente   intesa. E  dunque, ciò vale, sia   che il transito  avvenga  sulle  strisce  stesse,  sia  che  si effettui nelle immediate vicinanze.


Inoltre, oggi, Noi di Risarcimento Facile vi aggiorniamo su un’altra sentenza della IV sezione penale della Cassazione, sempre in  tema di circolazione stradale, e in particolare del coinvolgimento di un pedone.
Dovete sapere che il conducente di  autoveicolo, per osservare l\'obbligo di dare la precedenza ai pedoni  che attraversano sulle strisce  pedonali deve,  in prossimità delle stesse, mantenere  una velocità  non superiore  ai 10  Km/h.
Così, colui che si trova alla guida di un mezzo, ove proceda alla  velocità di 50 Km/h, (limite massimo  consentito in centro abitato),  deve diminuire la  velocità  di circa  40  Km/h in  modo  progressivo (anche  per  evitare  danni  agli  eventuali  trasportati), con una manovra di rallentamento, per la vicinanza delle strisce pedonali, circa 10 metri prima e dopo la zona  medesima, riservate al passaggio a piedi.
Perciò, partendo dal punto in cui sono  disegnate  le  strisce  pedonali,  il  conducente  del veicolo deve iniziare  la progressiva manovra  di rallentamento della velocità, 30 - 40 metri  prima di   quel   punto, per arrivare sull\'attraversamento pedonale a 10  Km/h.
In ogni caso a favore del pedone c’è sempre il fatto che il conducente deve dimostrare di avere fatto tutto il possibile per evitare l’investimento, secondo la norma  dell’articolo 2054 del codice civile:  “il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno”.


Perciò, in considerazione della massima difficoltà di fornire questa prova  la responsabilità del sinistro viene quasi sempre addebitata al conducente del veicolo.
Risarcimento Facile vi suggerisce cosa fare e come comportarsi in caso veniate investiti da un qualsiasi veicolo, dal momento che quasi sicuramente avrete  subito delle lesioni fisiche, più o meno gravi, in base alla velocità e al peso del veicolo.
Bisogna fare intervenire i sanitari per le prime cure, oppure recarsi immediatamente presso il più vicino  pronto soccorso per  i primi accertamenti strumentali, come radiografie, ecografie, ecc.
Sul posto è sempre opportuno individuare dei testimoni del fatto che possano successivamente riportare la dinamica dell’incidente e questo anche a prescindere dal fatto che il conducente del mezzo ammetta verbalmente la propria responsabilità.


Fare intervenire sul posto delle autorità di pubblica sicurezza, per un verbale sull’accaduto; ovviamente è necessario richiedere e ottenere dal conducente tutti i dati del mezzo, della Compagnia assicuratrice e i suoi riferimenti personali che, in caso di intervento delle Autorità, verranno inseriti nel verbale.
Il passo successivo è la richiesta di risarcimento e la relativa procedura di liquidazione.
Nel prossimo articolo vi parleremo di questi argomenti con tutte le specifiche.

CONSULENZA GRATUITA
Chiama Risarcimento Danni
Scrivi Risarcimento Danni
Messaggio inviato!
Ti risponderemo presto.
Attenzione, errore in invio informazioni


Dicono di noi


Francesco F.
In quell’incidente maledetto ho perso mio padre. Navigando in Internet ho scoperto Risarcimento Facile, inizialmente ero molto diffidente, poi mi sono detto: ”Ci provo!”, e ho fatto bene, ho trovato delle brave persone e dei professionisti seri!
Torsello D. Lecce

Viale Università a Lecce in bici, di macchine nel traffico ce ne sono, ma quel giorno un deficiente non mi ha visto e mi ha investito nel bel mezzo delle strisce pedonali vicino l’obelisco. Ringrazio tutto lo staff perché fin dai giorni in ospedale e fino a quando non ho ottenuto il risarcimento mi hanno sopportato.

Melania R. di Reggio Calabria

Tre anni fa, dopo un incidente disastroso in autostrada, avevo perso l’uso delle gambe per le fratture multiple che avevo subito! Finalmente ho avuto ragione e sono stata risarcita.

Lorenzo C. (Perugia)
In seguito ad un incidente avvenuto in autostrada ero deciso ad affidare la mia pratica al mio avvocato di fiducia, ma consultando internet sono stato attratto dalla filosofia di Risarcimento Facile che mi prometteva il massimo risultato senza l'anticipo di nessuna spesa. Tutto si è rivelato veritiero e si è concluso al meglio e in tempi ragionevoli.





risarcimento facile

Messaggio inviato!
Ti risponderemo presto.
Attenzione, errore in invio informazioni